Commissione valutatrice degli elaborati per partecipare alle quattro giornate formative a Bruxelles e L’Aja

Si è riunita la Commissione valutatrice finalizzata alla selezione dei partecipanti alle “Quattro giornate formative gratuite a Bruxelles e L’Aja sul contrasto a mafie e corruzione”, organizzate dall’Associazione culturale antimafia Cortocircuito in collaborazione con l’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna, l’Università di Parma e insieme ad altri enti.

I candidati che hanno presentato un proprio elaborato sono 72, molti dei quali di ottimo livello. I partecipanti sono studenti universitari e neolaureati di diverse Università dell’Emilia-Romagna (Parma, Bologna, inclusa la sede di Forlì, Modena e Reggio Emilia), oltre a studenti e neolaureati di altre Università (es. Trento) residenti in Emilia-Romagna.

Le richieste totali di iscrizione pervenute al corso “Prevenzione e contrasto della corruzione e della criminalità organizzata” sono 286.

I temi principali trattati negli elaborati pervenuti sono il contrasto della criminalità organizzata da parte dell’Unione europea, le agromafie, la criminalità mafiosa nel Nord Italia, il Testo Unico legalità della Regione Emilia-Romagna, la gestione dei beni confiscati, l’educazione alla cittadinanza responsabile ed altri.

I partecipanti provengono da diversi ambiti di studio: scienze dell’educazione, medicina, giurisprudenza, scienze politiche, scienze criminologiche, economia, scienze storiche, lettere, comunicazione, biotecnologie, ingegneria, ecc. Questo aspetto è molto positivo dato che il problema della criminalità organizzata e della corruzione attualmente coinvolge (o può coinvolgere) diversi ambiti ed è dunque fondamentale sapere come prevenire e contrastare tali fenomeni in tutti gli ambiti professionali, al fine di formare professionisti consapevoli.

 

Ai sensi dell’articolo 5 dell’Avviso di selezione per partecipare alla selezione per le “Quattro giornate formative gratuite a Bruxelles e L’Aja sul contrasto a mafie e corruzione” (QUI), si è riunita la Commissione valutatrice composta da:

– Marco Imperato, magistrato della Procura di Bologna,

– Leonardo Draghetti, Direttore Generale dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna,

– Elia Minari, esperto di contrasto alla criminalità organizzata e alla corruzione, fondatore nel 2009 dell’Associazione culturale antimafia Cortocircuito, responsabile del corso “Prevenzione e contrasto della corruzione e della criminalità organizzata” che si è tenuto presso l’Università di Parma, autore del libro-inchiesta “Guardare la mafia negli occhi”.

Responsabile della segreteria organizzativa del corso: Alessandro Acquotti, presidente dell’Associazione culturale antimafia Cortocircuito.

 

Ci complimentiamo anche con gli esclusi per l’ottimo lavoro svolto e per la sensibilità dimostrata verso il tema del contrasto alle mafie. Non è stata facile la selezione dato che diversi elaborati sono di ottimo livello.

Molto probabilmente questa esperienza sarà ripetuta anche il prossimo anno, dunque agli esclusi consigliamo di tornare a visitare questo sito internet per partecipare al prossimo avviso di selezione.

Inoltre, tra alcuni mesi sarà realizzato un importante evento, con ospiti di primo piano impegnati nel contrasto alle mafie nel Nord Italia, durante il quale saranno consegnati gli attestati di partecipazione a:
– tutti coloro che hanno preso parte a uno o più incontri del corso “Prevenzione e contrasto della corruzione e della criminalità organizzata”,
– tutti coloro che si sono candidati per le “Quattro giornate formative gratuite a Bruxelles e L’Aja sul contrasto a mafie e corruzione”.
Durante lo stesso evento saranno anche valorizzati diversi elaborati (saggi e video) dei partecipanti (non solo quelli dei selezionati).


I nomi dei
5 selezionati:

– Miriana Nacci con un elaborato sul ruolo dell’Unione europea nel contrasto alla criminalità organizzata e sulle trasformazioni delle mafie;
– Chiara Salati con un elaborato sul riutilizzo dei beni confiscati alle mafie;
– Alessia Depietri con un elaborato sull’educazione come strumento di contrasto alla cultura mafiosa, anche attraverso strumenti innovativi;
– Alberto Centrella con un elaborato sulle agromafie;
– Anna Pezzaioli con un elaborato sul Testo Unico Legalità della Regione Emilia-Romagna.

I selezionati provengono da diversi ambiti di studio e da diverse città.

___________

Le informazioni sul libro “Guardare la mafia negli occhi” sono sul sito www.negliocchi.it
Il libro, sottotitolato “Le inchieste di un ragazzo che svelano i segreti della ‘ndrangheta al Nord”, è disponibile in quasi tutte le librerie e online (in formato cartaceo o e-book). Prefazione del Procuratore Nazionale Antimafia, editore Rizzoli.
Invece QUI le recensioni, le interviste tv e gli articoli sul libro-inchiesta.

___________

 

Alcune foto della precedente giornata formativa del corso “Prevenzione e contrasto della corruzione e della criminalità organizzata” che si è tenuta presso l’Università di Parma lo scorso 26 settembre 2019. Foto di Valentina Scilipoti.

 

Condividi!