A Palermo il Premio internazionale “Francese”

“Corriere della Sera” del 23 aprile 2018

Il 2 maggio 2018 a Palermo è stato consegnato il Premio Internazionale “Francese” a Elia Minari, coordinatore dell’associazione culturale antimafia “Cortocircuito” di Reggio Emilia e autore del libro-inchiesta “Guardare la mafia negli occhi. Le inchieste di un ragazzo che svelano i segreti della ‘ndrangheta al Nord” (edito da Rizzoli).

Il premio, istituito nel 1993, è intitolato a Mario e Giuseppe Francese, il cronista del “Giornale di Sicilia” ucciso da Cosa Nostra nel 1979 e suo figlio. Il riconoscimento a Minari è stato consegnato dal presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Sicilia, alla presenza del generale Claudio Minghetti, del prefetto di Palermo Antonella De Miro e del vice-questore Dario Sallustio.

La giuria del premio è presieduta dal noto scrittore Gaetano Savatteri, attuale caporedattore del Tg5, ed è composta da illustri giornalisti di testate nazionali e membri del consiglio dell’Ordine dei Giornalisti. [Altri membri della giuria: Federica Angeli del quotidiano “La Repubblica”, Salvatore Cusimano della Rai, Felice Cavallaro del “Corriere della Sera”, Giulio Francese del “Giornale di Sicilia”, Riccardo Arena, Andrea Tuttoilmondo.]

Elia Minari è stato premiato insieme alla giornalista Daphne Caruana Galizia, uccisa a Malta lo scorso ottobre con un’autobomba. A ritirare il premio della coraggiosa cronista maltese è stata la sorella Corinne. Lo stesso riconoscimento negli scorsi anni è stato consegnato a noti giornalisti italiani: Milena Gabanelli, Maurizio Costanzo e Michele Santoro.

Il libro di Minari, che ha già ricevuto altri riconoscimenti, svela i retroscena delle inchieste che il giovane emiliano ha realizzato negli ultimi nove anni, insieme all’associazione antimafia “Cortocircuito”, oltre a contenere nuovi approfondimenti inediti. Il testo sembra quasi un romanzo, talmente le vicende sono assurde e ricche di suspense, eppure tutti i fatti sono veri. Il libro si apre con la prefazione del procuratore nazionale antimafia e si conclude con la postfazione del magistrato Marco Imperato.


……………………………………………………………………………….

Nella foto sottostante a sinistra: incontro con il Questore di Agrigento Maurizio Auriemma (30 aprile 2018). Elia Minari è stato invitato ad Agrigento dalla Questura per un incontro di sensibilizzazione antimafia, per costruire sinergie positive tra Sud e Nord Italia. Nella stessa giornata, dalle 10.00 di mattina, Elia Minari ha tenuto anche un incontro presso l’Aula Magna del liceo Leonardo di Agrigento, insieme al professore Enzo Alessi e al giornalista Gero Tedesco del “Giornale di Sicilia”.

Nella foto a destra: a Corleone davanti agli atti del maxi-processo di Palermo, il 2 maggio.

……………………………………………………………………………….

Elia Minari a Palermo il 2 maggio 2018 ha incontrato il procuratore generale di Palermo, il magistrato Roberto Scarpinato (foto sottostante a sinistra), già membro del pool antimafia con Falcone e Borsellino.
Inoltre nella foto a destra: incontro in Tribunale con il presidente della Corte d’Appello di Palermo Matteo Frasca e con il giudice Mario Conte (sentenza Dell’Utri).

……………………………………………………………………………….

Le informazioni sul libro “Guardare la mafia negli occhi” sono sul sito www.negliocchi.it
Il libro, sottotitolato “Le inchieste di un ragazzo che svelano i segreti della ‘ndrangheta al Nord”, è disponibile in quasi tutte le librerie e online (in formato cartaceo o e-book). Prefazione del Procuratore Nazionale Antimafia, editore Rizzoli.
Invece QUI le recensioni, le interviste tv e gli articoli sul libro-inchiesta.

Condividi!