Premio “Iustitia” all’Università della Calabria, in memoria del giudice Livatino che diceva: «Nessuno ci chiederà quanto siamo stati credenti, ma credibili»

……………………………………………………………………

Il premio “Iustitia” in memoria del giudice Rosario Livatino, sezione web-tv, è stato assegnato a Elia Minari, coordinatore di Cortocircuito, associazione culturale antimafia di Reggio Emilia.

Il riconoscimento è stato consegnato il 22 maggio 2014 all’Università della Calabria, con sede a Cosenza, alla presenza del magistrato Nicola Gratteri, procuratore antimafia di Reggio Calabria, Pino Aprile, giornalista e scrittore, Arcangelo Badolati, caposervizio della “Gazzetta del Sud”.

Il premio è stato conferito da parte delle massime autorità dell’Università calabrese: Gino Mirocle Crisci, rettore dell’Università della Calabria, Giancarlo Costabile, docente e responsabile del progetto “Pedagogia della R-Esistenza”, Francesco Altimari, direttore del dipartimento di Lingue e Scienze dell’Educazione dell’Università della Calabria, Angela Costabile, vicedirettore del dipartimento di Lingue e Scienze dell’Educazione dell’Università della Calabria.

Il giudice Rosario Livatino, a cui il premio “Iustitia” è dedicato, è stato ucciso nel 1990, all’età di 38 anni, dalla mafia. La sua frase più celebre è: “Quando moriremo, nessuno ci verrà a chiedere quanto siamo stati credenti, ma credibili”.

Le motivazioni.

Alcune delle parole pronunciate dal professore Giancarlo Costabile durante la consegna pubblica del premio: «Elia Minari ha avuto il coraggio di fare una cosa straordinaria: già da quando era studente liceale ha denunciato le infiltrazioni del potere ‘ndranghetista in Emilia-Romagna e in tutto il Nord Italia. L’associazione Cortocircuito, che Elia Minari coordina, fa inchieste forti, vere. C’è un modo diverso di stare al mondo anche a vent’anni, Elia ne è la dimostrazione. Elia Minari è un giovane giornalista, autore di video-inchieste controcorrente sulla criminalità organizzata in Emilia Romagna. É un esempio per le nuove generazioni».

Foto di Chiara Ghirelli. Cliccare sulle foto per allargarle.

 

Articolo di Elisa Pederzoli

Elia Minari e la redazione di Cortocircuito – la web-tv indipendente che si è distinta negli ultimi tempi per le video inchieste sulla ’ndrangheta a Reggio – hanno ricevuto un importante riconoscimento: il premio “Iustitia” in memoria del giudice ucciso dalla mafia nel 1990, Rosario Livatino, assegnato dall’Università della Calabria.

«Elia Minari ha avuto il coraggio di fare una cosa straordinaria: già da quando era studente liceale ha denunciato le infiltrazioni del potere ‘ndranghetista nella città di Reggio e nella regione Emilia Romagna – è la motivazione della giuria – La redazione di Cortocircuito, web-tv indipendente, che Minari coordina, fa inchieste forti, vere. C’è un modo diverso di stare al mondo anche a vent’anni, Elia ne è la dimostrazione. E’ un giovane giornalista, autore di video-inchieste controcorrente sulla criminalità organizzata in Emilia Romagna. E’ un esempio per le nuove generazioni».

[La prima pagina della “Gazzetta di Reggio”]

Alla consegna del premio, avvenuta a Cosenza, erano presenti il procuratore antimafia di Reggio Calabria Nicola Gratteri, il giornalista e scrittore Pino Aprile, il caposervizio della Gazzetta del Sud Arcangelo Badolati. E gli stessi Gratteri e Aprile sono stati insigniti dello stesso importante riconoscimento, rispettivamente nella sezione magistratura e saggistica.

Arriva a Reggio il premio per le web-tv, ribadendo, dunque, una realtà più volte evidenziata da fatti e relazioni antimafia: che la criminalità organizzata è diventata, da tempo, anche una questione emiliana, reggiana.

«Per noi è stata un po’ una sorpresa. Non ce l’aspettavamo». Così Elia Minari commenta il premio a nome della sua redazione, composta da una quindicina di giovani dai 19 ai 22 anni.

«Quello che dal 2009 stiamo cercando di fare è conoscere e informare su di un tema delicato – spiega – partendo da episodi che purtroppo sono sempre più frequenti. Nel nostro lavoro, nei nostri frequenti incontri con la cittadinanza e con le scuole, ripercorriamo quello che è avvenuto negli anni Ottanta e Novanta a Reggio: omicidi e attentati. Per tentare di ricostruire come è avvenuto il radicamento della criminalità organizzata nel nostro territorio. E molto spesso le persone restano sorprese. Non sanno, non ricordano questi episodi. Fino alla denuncia che ormai le organizzazioni sono entrate anche in alcune aziende reggiane doc, come dimostrano le interdittive e l’ottimo lavoro svolto dalla prefettura in questi anni. E questo dovrebbe porre più di un interrogativo».

E il lavoro della redazione di Cortocircuito è tutt’altro che finito. «Da qualche settimana abbiamo iniziato a lavorare a una nuova video-inchiesta. Basandoci ancora una volta sui fatti, sui documenti. Che ci interessano più delle opinioni».

Tematiche, questioni che Reggio si porta dietro e che non potrà permettersi di non affrontare. «Speriamo che la nuova amministrazione punti sulla trasparenza. Secondo noi la trasparenza negli atti amministrativi, negli appalti e nei subappalti, è il primo tassello, è fondamentale per contrastare in modo efficace il fenomeno». Elisa Pederzoli

………………………

Vedi anche:

– Sul Corriere della Sera: “Cortocircuito, la web tv degli studenti-reporter che combatte la mafia”
– La video-inchiesta sui quaranta roghi di probabile origine dolosa
– Alcuni video della serata antimafia del 17 settembre in Sala del Tricolore
– Incontro-intervista sulla corruzione con Davigo e Gomez in Sala del Tricolore, le foto
– Incontro con i magistrati Nino Di Matteo, pm del processo sulla trattativa Stato-mafia e Nicola Gratteri

Condividi!

    18 Responses to “Premio “Iustitia” all’Università della Calabria, in memoria del giudice Livatino che diceva: «Nessuno ci chiederà quanto siamo stati credenti, ma credibili»”

    1. Duilio Cangiari Says:

      Complimenti Elia

    2. Giuseppe Imparato Says:

      Complimenti Elia lo meriti tutto

    3. Antonio Nicaso Says:

      Complimenti a Elia e a tutti i ragazzi di Cortocircuito. Un esempio per tutti.

    4. Gianko Di Matteo Annett Says:

      Siete grandi ragazzi!

    5. Roberto Arnò Says:

      Complimenti, bravissimi!!

    6. Rossella Noviello Says:

      Grandissimi!!!!!Fatti e non parole

    7. Anna Sannino Says:

      Complimentissimi….

    8. Domenico Acquotti Says:

      Grande Elia: bravissimo!

    9. Maria Cristina Saro' Says:

      Bravissimi! Bravo Elia!

    10. Roberto Rossi Says:

      Best!

    11. Fulvio Orlando Says:

      siete davvero bravissimi.

    12. Ivette Balestrazzi. Says:

      Elia, un grazie a te e ai giovani che ti hanno seguito e continuano a seguirti in questo cammino di denuncia, duro e importantissimo!
      Grazie davvero di cuore e infiniti auguri per altrettanti riconoscimenti!!!!
      Ivette Balestrazzi.

    13. Roberto Messori Says:

      bisogna essere orgogliosi di ragazzi come voi

    14. Giuliano Sassi Says:

      Bravi ragazzi! E’ un premio giusto e meritato, in memoria del “giudice ragazzino”.
      Siete il nostro futuro e la nostra speranza.
      Giuliano Sassi

    15. Rosaria Cascio Says:

      complimenti! siete bravi!

    16. Paola Soragni Says:

      Meritatissimo!!!!

    17. Armando Menga Says:

      Bravi ragazzi

    18. Gian Luca Berciotti Says:

      Bravi!