Denunciare le mafie a Reggio Emilia e a Partanna. Incontro con la testimone di giustizia Piera Aiello, il video

Se non visualizzi il video clicca qui.

Processo Edilpiovra, nessuna denuncia dopo i camion incendiati: seconda tappa sulla ‘ndrangheta a Reggio Emilia.

Video di SINTESI dell’incontro pubblico con la testimone di giustizia Piera AielloUmberto Lucentini, biografo di Paolo Borsellino, scrive per “Il Giornale di Sicilia” e per “L’espresso”, che si è tenuto il 12 Dicembre 2012 presso la Corte Ospitale di Rubiera (Reggio Emilia).

Piera Aiello dopo il matrimonio ha scoperto il vero volto del marito: mafioso figlio di mafioso. Rimasta vedova, con una figlia di tre anni, ha deciso di ribellarsi all’omertà. L’ha sostenuta il procuratore Paolo Borsellino, che le ha trasmesso il coraggio per affrontare la vita nell’ambito di un programma di protezione. Attualmente Piera Aiello vive in una località segreta sotto un’altra identità.

A condurre l’incontro Jacopo della Porta, caporedattore di Parmaonline. La serata è stata introdotta da Elia Minari del giornalino studentesco Cortocircuito e del gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”. L’assessore alla Cultura di Rubiera Emanuele Cavallaro e il presidente del consorzio sociale Oscar Romero Mauro Ponzi hanno fatto i saluti iniziali. Riprese di Federico Marcenaro di Cortocircuito.

La Redazione di Cortocircuito

…………………………

Vedi anche:

– ‘Ndrangheta a Reggio Emilia e dintorni. Incontro con il procuratore Gratteri e il prof. Nicaso a Rubiera, il video
– Le foto dell’evento
– L’annuncio dell’evento

Condividi!

    Tags: ,

    One Response to “Denunciare le mafie a Reggio Emilia e a Partanna. Incontro con la testimone di giustizia Piera Aiello, il video”

    1. Claudia Bucci Says:

      Piera Aiello è la donna che più mi ha colpito tra le”donne coraggio” della Sicilia,anni fa vidi(a tarda notte come tutte le cose intelligenti in tele,solo quando pochi le possono vedere) un reportage dove le testimoniava la sua storia,mi colpì per il coraggio ma anche per tutto quel carico di dolore che questa scelta le ha scaricato addosso.
      A voi ragazzi rinnovo la mia stima per tutto quello che fate…, siete svegli e con una coscienza sociale da 10 e lode BRAVIIII